Napoli – LAVAGNA TATTICA – Nonostante i tanti assenti, il Napoli produce il solito volume di gioco. Oltre al goal, sono tante le occasioni per gli azzurri

LAVAGNA TATTICA – Nonostante i tanti assenti, il Napoli produce il solito volume di gioco. Oltre al goal, sono tante le occasioni per gli azzurri

Partita difficile, per motivi ambientali e per i tanti assenti. Il rischio di poter fare una figuraccia, così come detto anche da Maurizio Sarri nel post partita, c’era. E invece gli azzurri si dimostrano un gruppo pienamente maturo e consapevole dei propri mezzi. Anche quando non ci sono i vari Reina, Jorginho, Higuain, Albiol, Insigne, Mertens, Gabbiadini. E se non è questo un sintomo di maturità, allora non esiste nessun metro di giudizio. Sono tante le occasioni create dai partenopei, sia nei primi 45′ che nella ripresa. Il goal però arriva su calcio da fermo, proprio come dev’essere quando le partite diventano complicate. La rete di Chiriches nasce da calcio d’angolo battuto da Mirko Valdifiori. E se anche i famosi schemi di Sarri iniziano a funzionare questo Napoli può diventare davvero tanto tanto temibile.

Come detto, oltre al goal, sono tante le occasioni avute dagli azzurri per rendere il risultato ancora più rotondo. Queste le più importanti:

LE OCCASIONI CREATE DAL NAPOLI – La prima palla goal il Napoli la costruisce al 12′ minuto del primo tempo, quando El Kaddouri e D. Lopez da soli si inventano una combinazione perfetta. C’è tutto in questa azione: tecnica di El Kaddouri, sia nel proteggere il pallone sia nel lanciare il compagno; intelligenza tattica da parte di D. Lopez che legge bene le intenzioni del compagno, lanciandosi ad altissima velocità nello spazio creatosi al centro della difesa del Brugge:

Il centrocampista spagnolo poi riesce ad entrare palla al piede in area avversaria con un’ottima incursione. Dribblato il diretto avversario, D. Lopez prova la conclusione da posizione proibitiva con un tiro a giro di sinistro che, nonostante la posizione, finisce di poco a lato:

Altra occasione creata dagli azzurri al 52′ minuto, col Napoli già sopra per 1-0. Tutto nasce da un’ottima interdizione di Strinic sulla corsia sinistra che capisce le intenzione dell’avversario di servire il compagno vicino con un passaggio filtrante. Il terzino croato si lancia sul pallone, trasformando velocemente l’azione da difensiva in offensiva servendo El Kaddouri in profondità:

Servito da Strinic, El Kaddouri si invola nell’area di rigore dei belgi. Ed è qui che nasce l’errore del marocchino: saltato il diretto avversario, El Kaddouri prova una conclusione di sinistro da posizione improbabile anziché servire Callejon solo al centro:

IL GOAL DEL NAPOLI – Gli azzurri riescono a sbloccare il risultato al 41′ minuto sugli sviluppi di calcio d’angolo. Ad incaricarsi della battuta è Mirko Valdifiori, il quale chiama subito uno schema ai compagni in area di rigore. Il traversone dell’ex calciatore dell’Empoli trova Chiriches solo in area di rigore. Il difensore rumeno non ci pensa due volte, e lascia partire un violento destro al volo che batte il portiere avversario. Napoli in vantaggio su schema da calcio d’angolo:

Salvatore Nappo

RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here