Napoli – Higuain ancora una volta decisivo: è lui l’Oro di Napoli, indiscusso capopopolo di una piazza pronta a sognare

Higuain ancora una volta decisivo: è lui l’Oro di Napoli, indiscusso capopopolo di una piazza pronta a sognare

L’Oro di Napoli: Gonzalo Higuain. Ancora una volta decisivo il Pipita, con il dodicesimo sigillo stagionale, quello che stende l’Inter e porta il Napoli in testa alla classifica di Serie A. Ancora una volta l’argentino si è caricato la squadra sulle spalle, con nove reti consecutive realizzate al San Paolo, come Maradona, oltre Maradona. Perché l’Higuain finalmente napoletano guarda più avanti ed ha un solo obiettivo: quello di vincere con la maglia azzurra che fu di Diego e che oggi è indiscutibilmente sua, la stella più bella e luminosa nel cielo di Napoli.

Due reti e la solita prestazione, quella che ormai ogni tifoso è abituato a vedere, in casa ed in trasferta. L’arma in più, il calciatore, l’uomo, il campione che finalmente, come non mai, fa la differenza. Higuain è nel momento migliore della sua carriera e all’ombra del Vesuvio è letteralmente esploso, unendo ad una condizione fisica ottimale anche una tenuta psicologica perfetta. Spietato, freddo, inarrestabile, resistente a tutto e a tutti: non lo ferma nessuno e la seconda rete del Napoli è tutta qui, nella sua corsa, nel suo scatto, nel suo tiro che buca le mani di Handanovic. Miranda e Murillo possono solo stargli dietro, nessuno lo prende. Un predatore perfetto, non sbaglia più un colpo.

“Può migliorare ancora” – parola del solito Maurizio Sarri, probabilmente il miglior allenatore che Gonzalo abbia mai avuto. Per un semplice motivo: il tecnico gli dà, costantemente, in ogni momento, sempre più motivazioni. Sorride a guardarlo ma non se lo coccola: sa di avere tra le mani un bomber di razza, come ce ne sono pochi al mondo, e lo stimola, lo incoraggia, perché sa che può fare ancora di più, sa che può essere ancora più letale. Sa che può portare questo Napoli sempre più su. Alla fine del match Higuain si gode l’abbraccio del suo pubblico, è lui il re, la gente è ai suoi piedi. Lui sorride e Napoli ha ancora una volta la conferma che tra i simboli della città, insieme a San Gennaro e al Maschio Angioino, ormai c’è anche lui: Gonzalo Higuain, il Pipita de Oro.

Gennaro Donnarumma
RIPRODUZIONE RISERVATA

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here