Napoli – Sprazzi di luce allo Stadium, corsa e fantasia al servizio della squadra. Il migliore in campo per SpazioNapoli è…

Sprazzi di luce allo Stadium, corsa e fantasia al servizio della squadra. Il migliore in campo per SpazioNapoli è…

Serata infausta per il Napoli, che esce ancora una volta sconfitto dal terreno di gioco dello Juventus Stadium: da quando l’impianto è stato inaugurato, nel settembre 2011, gli azzurri non hanno più vinto nella Torino bianconera, dove il successo manca addirittura dal 2009.

Semifinale di andata agli archivi, la Juventus si impone dopo che Hamsik e compagni non solo avevano retto bene l’impatto ma erano anche andati in vantaggio: le premesse, insomma, erano altre. Doppietta di Dybala su rigore e poi Higuain stendono i ragazzi di Maurizio Sarri: non tutto è perduto, c’è comunque una gara di ritorno da giocare. Qualche errore e delle note stonate, tra gli azzurri, ma anche prestazioni buone dei singoli che lasciano ben sperare. È il caso di Amadou Diawara, che ancora una volta ha giocato, tutto sommato, una buona gara, nonostante l’età e l’inesperienza a certi livelli: il guineano ha stoffa da vendere, lo sta dimostrando. È il caso anche la gara di Arkadiusz Milik, tornato titolare dopo l’infortunio e protagonista nell’azione che ha portato alla rete del momentaneo vantaggio azzurro con una triangolazione stupenda con Lorenzo Insigne che ha poi servito José Callejon.

Ma soprattutto è il caso di Marko Rog: il croato, per la redazione di SpazioNapoli.it, è il migliore in campo. Titolare, in una sfida importante contro l’acerrima rivale Juventus, Rog non ha sfigurato anzi ha dato il suo apporto, giocando con e per i compagni e soprattutto deliziando con qualche accelerazione degna di nota che fa capire ancor meglio il grande investimento del Napoli sull’astro nascente del calcio croato ed europeo. Un primo tempo sugli scudi per l’ex Dinamo Zagabria, tra fantasia e tanta, tanta concretezza. L’età è quella giusta, i colpi ci sono, la testa è a posto: mentalmente sembra già un veterano, ma la carta di identità parla chiaro. Nel secondo tempo cala, così come tutta la squadra ma la prestazione non si cancella. Chi ben comincia, si dice, è già a metà dell’opera. Per Sarri più di una soluzione: oramai è palese. Un deleterio quasi tenerlo, con frequenza più o meno regolare, in panchina.

GENNARO DONNARUMMA

Calcio Napoli Sprazzi di luce allo Stadium, corsa e fantasia al servizio della squadra. Il migliore in campo per SpazioNapoli è… su Spazio Napoli Spazio Napoli

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here