La Lazio c’è, il Milan no, a San Siro è 0-1 – analisi e pagelle

La Lazio c’è, il Milan no, a San Siro è 0-1 – analisi e pagelle

I biancocelesti espugnano il Meazza con un gol del Tucu Correa, diventando la prima finalista di Coppa Italia

Per il ritorno della semifinale di Coppa Italia è andato in scena a San Siro il match tra Milan e Lazio, reduci dallo 0-0 dell’Olimpico.

Gattuso manda in campo i suoi con un inedito 3-4-2-1 che vede l’esordio di Caldara dal primo minuto e in avanti Piatek supportato da Suso e Castillejo; risponde il classico 3-5-2 di Inzaghi con Immobile in attacco e Correa a supporto.

Il primo tempo è di studio, da registrare una timida conclusione di Milinkovic sugli sviluppi di un calcio di punizione e un tiro senza troppe pretese di Immobile dai 18 metri, prima del bel tentativo improvviso di Calabria alla mezz’ora su cui è attento Strakosha; in chiusura di frazione, doppia chance Lazio, prima con Bastos che da due metri da Reina spedisce fuori in mischia e poi con Correa che, servito da Immobile in area, trova l’opposizione dell’estremo difensore rossonero. Primo tempo che vede inoltre l’abbandono del terreno di gioco prima di Milinkovic e poi di Calabria, entrambi per infortunio, rilevati rispettivamente da Parolo e Conti.

In apertura di secondo tempo, il copione non cambia, la Lazio preme sull’acceleratore e sfiora il vantaggio di nuovo con Bastos che di testa non inquadra lo specchio e poi ancora con il Tucu, che di nuovo spedisce addosso a Reina con un destro a giro; è solo questione di minuti prima che l’argentino porti in vantaggio i suoi: la Lazio parte in contropiede sugli sviluppi di un corner battuto da Suso, Immobile serve il Tucu in area che batte Reina con un tocco sotto le gambe. E’ sempre la Lazio che tiene il pallino del gioco, il Milan non crea e si affida agli episodi, Piatek spedisce fuori di un metro su colpo di testa e Cutrone è bravo invece ad insaccare ma il suo gol viene annullato per offside; nei minuti finali ci prova Luis Alberto che scivola al momento della conclusione vedendo il suo tiro neutralizzato da Reina ed ancora un esausto Immobile che, servito al centro dell’area milanista, spara alto un rigore in movimento.

Vittoria meritata per i ragazzi di Inzaghi, che nei 90 minuti hanno concesso davvero nulla ai rossoneri, mai realmente in partita. La Lazio aspetterà domani per sapere quindi contro chi giocherà tra Atalanta e Fiorentina nella finale di Coppa Italia tra le mura amiche dello Stadio Olimpico.

Le dichiarazioni di Gattuso: Sul sentirsi legittimato: “Stiamo facendo fatica con i risultati, mi sento il capitano di questa barca e ho più responsabilità di tutti. Questo fa parte del mio lavoro e del gioco”. Su Caldara: “Ha bisogno solo di un’occasione, si è fatto trovare pronto, anche in fase di impostazione”. Sul sentire la squadra: “Sento di averla in pugno, quando vedi prestazione come ultimamente… sono io che scelgo i giocatori e che li mette in campo. Da parte mia, da parte di tutti, stiamo facendo un po’ di fatica”. Sul cambiare l’inerzia: “Penso che i cambi possano far fare qualcosa di diverso, per una pressione un po’ più alta. Stiamo provando a fare tutto questo, la preoccupazione più grande è come reagiamo. Un po’ di luce si era vista con Lazio e Juventus”.

Le dichiarazioni di Inzaghi: “Non è facile arrivare alla terza finale, non c’era da ricostruire, zero, ma da raccogliere i cocci da una sconfitta venuta in quel modo con il Chievo. Giocando con quella concentrazione avremmo creato molto. Reina ha parato tutto”. Sul secondo tempo: “Nel primo tempo non avevamo concesso nulla al Milan, se non tre quattro calci d’angolo. Ho detto ai ragazzi di rimanere tranquilli, di mantenere la lucidità”.

Le pagelle del Milan

Reina 7 il migliore in campo dei suoi, salva la porta in almeno 3 occasioni per quella che sarebbe stata una disfatta

Musacchio 5 ogni volta che Immobile e compagni ripartono arrivano quasi sempre a creare problemi alla retroguardia, non in serata

Caldara 5 all’esordio dal primo minuto, va in difficoltà come tutta la difesa rossonera (dal 65′ Cutrone 5,5 gli arriva un pallone giocabile ed insacca, purtroppo è in fuorigioco)

Romagnoli 5,5 qualcosa in più dei suoi compagni di reparto, ma anche per lui molta difficoltà nel gestire le offensive laziali

Calabria 6,5 molto propositivo in fase offensiva, sfiora anche il gol, purtroppo abbandona per infortunio (dal 40′ Conti 5 lontano parente di quello ammirato a Bergamo, deve ritrovare continuità)

Kessiè 5 non pervenuto nel centrocampo rossonero

Bakayoko 6 nel marasma della mediana rossonera, il migliore, con qualche spunto interessante

Laxalt 4,5 non è incisivo nè in attacco nè in difesa, tra i peggiori in campo

Suso 4,5 forse gioca fuori ruolo, fatto sta che non è più lui, impreciso in fase di costruzione e fine a sè stesso in generale

Piatek 5 non gli arrivano palloni giocabili e Acerbi è tra i pochi difensori che davvero non gli vanno giù, nell’unica occasione che ha, spedisce a lato di testa

Castillejo 4,5 come da Suso, ci si aspettava molto di più (dal 57′ Calhanoglu 4 si nota quando entra in campo, il peggiore dei suoi)

All.Gattuso 5 non va lui in campo ma stasera al Milan è mancata proprio la vis pugnandi

Le pagelle della Lazio

Strakosha 6 mai chiamato in causa, è bravo sulla conclusione improvvisa di Calabria

Luiz Felipe 6,5 gara ordinata ma il compito è reso facile anche dall’inconsistenza in avanti dei rossoneri

Acerbi 7 combatte su ogni pallone che arriva in area, bravo per l’ennesima volta ad annullare Piatek

Bastos 7 giocasse sempre così, sarebbe il fiore all’occhiello di ogni difesa, attento quando c’è da difendere, propositivo anche in fase di impostazione, sfiora il gol in due circostanze

Romulo 6,5 un altro passo rispetto a Marusic, bravo nel dribbling e inesauribile nella corsa

Milinkovic Savic s.v. (dal 21′ Parolo 6,5 prestazione senza sbafature, lo si nota poco ma dà sostanza alla mediana laziale)

Leiva 6,5 quando è in partita tutta la Lazio gira, esperienza e qualità al servizio del centrocampo

Luis Alberto 6,5 protagonista di una buona prestazione, arriva sfinito alla fine del match ma cerca anche il gol con un’iniziativa personale (dall’85 Badelj s.v.)

Lulic 6 corre per 90 minuti, sbaglia alcuni passaggi elementari ma non molla mai

Correa 6,5 suo il gol vittoria, nel primo tempo troppo spesso pecca di egoismo facendosi anche riprendere da Lulic (dal 74′ Caicedo 6 alterna iniziative interesassanti a errori grossolani, nel compenso prestazione positiva)

Immobile 6,5 non è sicuramente nel suo momento migliore, ma si danna per tutta la partita, nel finale si divora il gol del possibile 2-0

All. Inzaghi 7 i suoi giocatori hanno compreso appieno il bisogno di fare risultato contro il Milan, che di fatto viene annichilito nei 90 minuti

(fonte foto: gazzetta.it)

Simone Pinto

L’articolo La Lazio c’è, il Milan no, a San Siro è 0-1 – analisi e pagelle proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here