Italia-Bosnia 2-1, Azzurri, vai col poker. Euro 2020 più vicina. Analisi e Pagelle

Italia-Bosnia 2-1, Azzurri, vai col poker. Euro 2020 più vicina. Analisi e Pagelle

Match emozionante all’Allianz Stadium
di Torino con i ragazzi di Mancini vittoriosi contro una grande Bosnia

Termina 2- 1 Italia Bosnia, match valido per la
quarta giornata delle qualificazioni
a Euro 2020. Dopo il vantaggio
ospite nel primo tempo, ribaltano tutto nella ripresa Insigne e Verratti.
Azzurri avanti nel girone con 12 punti a +3 dalla Finlandia seconda.

BOSNIA AVANTI CON MERITO

Primo tempo a tinte balcaniche quello dell’Allianz Stadium, il quale a tratti prende sempre più le sembianze del Marakana di Sarajevo. Gli azzurri cercano di imporre nei primi 15’ minuti di partita il loro ormai abituale possesso, in modo stanare gli avversari. Si annoverano, infatti, al secondo minuto una buona conclusione di Quagliarella, fuori non di molto, e alcune sfuriate dalla sinistra di Emerson che mettono in difficoltà la retroguardia bosniaca.

Gli ospiti, comunque, sono molto in palla e la pressione in centrocampo inizia a mettere in crisi la trequarti azzurra. Il primo squillo arriva al minuto 18’ con una ripartenza portata avanti da Visca, che su suggerimento di Dzeko, trova la provvidenziale chiusura di Bonucci. Il match si sblocca al 32’esimo: grande azione cominciata dalla trequarti, scambio Besic-Visca, cross in mezzo di quest’ultimo e facile tap-in di Dzeko (cade l’imbattibilità azzurra dopo 599’ minuti). E’ 1 a 0. Gli azzurri provano a reagire immediatamente alzando il baricentro in avanti e vanno vicini al gol del pari al minuto 41’ con Quagliarella, la cui conclusione trova la grandissima risposta di Sehic.

ZEMANLANDIA NAZIONALE

Mister Mancini riparte la ripresa con il falso nueve, fuori Quagliarella dentro Chiesa e Bernardeschi di punta. Pronti-via e subito pari azzurro: angolo del giocatore juventino e fantastica volèe di Insigne a riaccendere l’azzurro dello Stadium. E’ 1 a 1. Il match trova grande ritmo e intensità con la Bosnia, che risponde colpo su colpo all’Italia. Nel giro di pochi minuti si riavvicina al gol del nuovo vantaggio con Dzeko e Visca, i quali vengono bloccati da un eccellente Sirigu. Gli azzurri si rifanno pericolosi al minuto 69’ ancora con Insigne che di testa sfiora la doppietta personale. Due minuti più tardi è Chiellini, il quale su angolo devia bene ma indirizza la sfera centralmente, favorendo la respinta di Sehic. La pressione degli uomini di Mancini sale col passare dei minuti e gli sforzi vengono ripagati al minuto 86’: Insigne suggerisce dentro per Verratti che con un colpo da biliardo infila dentro il pesantissimo vantaggio nostrano. 2-1, Zemanlandia è tornata.

Vittoria
determinante per l’Italia, che ottiene il quarto successo di fila e adesso Euro
2020 dista pochissimi passi.

TABELLINO

ITALIA-BOSNIA: 2-1 (Dzeko, 32’; Insigne,
48’; Verratti, 86’

ITALIA (4-3-3): Sirigu; Mancini (De Sciglio, 66’),
Bonucci, Chiellini, Emerson; Barella, Jorginho, Verratti; Bernardeschi (Belotti,
80’), Quagliarella (Chiesa, 46’), Insigne. All.
R.Mancini

Panchina: Cragno, Gollini, De Sciglio,
Pellegrini, Belotti, El Shaarawy, Romagnoli, Chiesa, Sensi, Florenzi, Immobile,
Cristante.

BOSNIA (4-3-3): Sehic; Todorovic, Bicakcic,
Zukanovic, Civic (Nastic, 72’); Besic, Pjanic, Saric; Visca, Dzeko, Gojak
(Cimirot, 80’). All. R.Prosinecki

Panchina: Kovacevic, Piric, Nastic, Memisevic,
Duljevic, Cimirot, Sunjic, Bajic, Prevljak, Vrancic, Zakaric, Milosevic.

ARBITRO: Estrada Fernandez

CORNER: 5-4

AMMONITI: Jorginho (Ita), Besic (Bos), Civic
(Bos), Saric (Bos), Dzeko (Bos)

ESPULSI: –

PAGELLE

Sirigu: 6,5 Incolpevole
nel gol del vantaggio bosniaco. Provvidenziale nella ripresa su Visca e Dzeko.
Chiude una stagione di grandissimo rendimento

Mancini: 5 Si adatta con qualche fatica al ruolo
di terzino destro. Soffre le folate di Gojac e lo strapotere fisico di Dzeko,
nella ripresa esce per qualche fastidio muscolare. De Sciglio: 6 Entra con il giusto piglio, prendendosi la sua solita
posizione di laterale. Fa il suo compito

Bonucci: 7 Uno dei migliori in campo della
Nazionale azzurra. Provvidenziale in un paio di chiusure, soprattutto nel primo
tempo sul tiro ravvicinato di Visca. E’ il primo regista della squadra,
ordinato e sempre pulito.

Chiellini: 6,5 Il capitano viene meno chiamato in
causa del suo compagno di reparto ma il suo rendimento è sempre indiscutibile.
Nella ripresa va vicino alla rete del pari non trovando di poco il sigillo personale.

Emerson: 6,5 Altra importante gara dell’italo-brasiliano.
Sempre presente in fase offensiva con ottime sovrapposizioni, bene anche quando
è chiamato a difendere.

Barella: 6,5 Il probabile futuro giocatore
nerazzurro è ormai una certezza del centrocampo del Mancio. Dinamico, intraprendente,
personalità.

Jorginho: 6 Soffre la pressione avversaria nel
primo tempo e se il metronomo non gira anche gli altri fanno fatica. Si riprende
nella ripresa dettando ordine geometrie.

Verratti: 7 Chirurgico il suo destro che vale il
quarto successo di fila e il primato del girone. La sua classe è indiscussa,
cosi come l’intesa con l’altro artefice della Zemanlandia pescarese

Bernardeschi: 6,5 Duttilità e costanza. Ormai Bernardeschi
è una pedina fondamentale del gioco azzurro. Oggi ha fatto due ruoli e un
assist al bacio per Insigne. Belotti: 6 Ridà
all’attacco azzurro la soluzione del centravanti puro. Si muove bene e s’impegna
alla grande. Il gol arriverà

Quagliarella: 6 Il capocannoniere dell’ultima A trova
pochi palloni giocabili, dovuto anche ad un centrocampo azzurro in difficoltà.
Due i tiri conclusi, uno fuori non di molto e l’altro stoppato da un miracolo
di Sehic. Chiesa: 6,5 Entra subito
in partita, movimentando l’attacco azzurro e mettendo in difficolta il terzino
bosniaco Civic.

Insigne: 8 Il migliore in campo in assoluto dell’Italia.
Dopo un primo tempo con più ombre che luci, sfodera una ripresa da urlo. Pareggia
con una perla e suggerisce l’assist per il gol del 2-1 finale. Lorenzo il Magnifico

Dichiarazioni post-match del ct Mancini:

“Partita molto difficile. La Bosnia è forte tecnicamente, nel primo tempo abbiamo fatto un po’ di fatica perchè eravamo un po’ larghi come squadra, poi nella ripresa siamo entrati con il giusto piglio e abbiamo meritato la vittoria”.

Fonte Foto: Getty images

Sandro Caramazza

L’articolo Italia-Bosnia 2-1, Azzurri, vai col poker. Euro 2020 più vicina. Analisi e Pagelle proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here