Ritiro, mercato e stadio: tre punti chiave dell’estate bergamasca

Ritiro, mercato e stadio: tre punti chiave dell’estate bergamasca

La
Dea è pronta a ripartire con l’obiettivo di ripetere un’altra annata da grande
protagonista

Poco meno di 24 ore e anche l’Atalanta inizierà la preparazione estiva in vista della prossima
stagione. Nella giornata di domani, gli orobici si ritroveranno nel centro
sportivo di Zingonia per le visite
mediche di rito e in serata partiranno alla volta di Clusone, in Alta Val Seriana. In un ritiro alternato
dall’alternanza tra porte chiuse la mattina e aperte al pubblico il pomeriggio,
i ragazzi di Gasperini andranno ad affrontare 4 squadre, la prima fra queste
sarà la rappresentativa dilettantistica proprio della località di Clusone. L’estate
della Dea, capace nell’ultima annata
di raggiungere il terzo posto in Serie A con la conseguente storica
qualificazione in Champions League, è divisa fra due importanti punti: il calciomercato e la questione stadio in Europa.

Iniziando dal fattore
C
che fa sognare i tifosi, il presidente Percassi è pronto a regalare ai supporter atalantini un’altra
stagione da ricordare. Dopo aver rassicurato la piazza con la permanenza di
Gasperini, il patron nerazzurro ha deciso anche di confermare lo zoccolo duro
della squadra, cercando di trattenere i migliori e di puntellarla con
altrettanti importanti profili.

In entrata, infatti, è arrivato a metà giugno Luis Muriel. L’ex attaccante di
Siviglia e Udinese, fra le tante, ha trascorso gli ultimi sei mesi a Firenze,
dove ad un inizio molto promettente era subentrato un ultimo periodo con più
ombre che luci. Il talento del colombiano è, però, indiscutibile e in un
complesso come quello orobico, capace di esaltare le caratteristiche dei
giocatori al grado più elevato, potrebbe definitivamente sbocciare. Muriel, Zapata, Ilicic e Gomez…Che
spettacolo a Bergamo!

Il nuovo acquisto Muriel

Altri nomi in orbita Atalanta sarebbero quelli di Tonali e Verdi. Il centrocampista del Brescia, classe 2000, è ricercato da
mezza Serie A e il suo cartellino costa circa 35 milioni. Su di lui c’è anche
l’interesse della Fiorentina. Per quanto riguarda l’esterno del Napoli, il suo
prezzo è di 25 milioni. Il Torino resta molto vigile.

Ad importanti acquisti bisogna, comunque, equiparare
altrettanti sacrifici. Uno dei giocatori pronti a lasciare Bergamo è Gianluca Mancini. Il difensore (30
presenze e 5 reti nell’ultima stagione) sarebbe in procinto di approdare nella
capitale, sponda giallorossa, per una cifra intorno ai 25 milioni. Altre tre
cessioni definite nelle ultime ore sono state quelle di Petagna e Berisha,
entrambi ceduti alla Spal, e Mattiello,
che dopo il prestito al Bologna, è stato girato nuovamente al Cagliari.

Concludendo con il tema stadio, l’Atalanta ha richiesto
la possibilità di giocare le partite europee allo stadio San Siro di Milano. In attesa, infatti, della ristrutturazione
degli Atleti Azzurri d’Italia, il club
del patron Percassi ha valutato la possibilità di poter usufruire del Meazza ma la risposta positiva non è
ancora stata confermata. Ottenuto l’ok dell’Inter e del sindaco Sala, si aspetta
adesso il nulla osta del Milan, il cui presidente Scaroni si è sbilanciato dicendo: “Terremo conto del pensiero dei nostri tifosi”. La situazione è,
quindi, in continua evoluzione.

In attesa del giudizio definitivo, l’Atalanta si sta preparando per un’altra stagione da protagonista. Dopo aver incantato l’Italia, adesso tocca all’Europa…

Fonte foto: calciodipendenza.net; Gazzetta.it; Eco di Bergamo.it

Sandro Caramazza

L’articolo Ritiro, mercato e stadio: tre punti chiave dell’estate bergamasca proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here