Fiorentina carpe diem, se vinci con la Juve sarà svolta

Fiorentina carpe diem, se vinci con la Juve sarà svolta

L’eterna
sfida tra viola e bianconeri sabato alle ore 15. Ribery e Chiesa per abbattere
l’uragano CR7

Se chiedete ad un fiorentino, quale sia la partita più importante della stagione, vi risponderà sicuramente Fiorentina-Juventus. Un match, una rivalità quasi secolare quella fra due delle principali piazze del nostro calcio, risalente addirittura al lontano 1928. Sono stati svariati gli episodi e le circostanze che hanno fatto scattare la scintilla e l’odio calcistico fra questi due grandi club, in particolare l’11 a 0 bianconero della data appena citata e le decisive gare del decennio 80/90, valide rispettivamente per lo scudetto e la Coppa Uefa. Non dimenticando, infine, il clamoroso trasferimento da Firenze a Torino del Divin Codino e quella fascia viola al collo mentre si dirigeva negli spogliatoi dopo un Fiorentina-Juventus al Franchi.

In quel di Firenze, l’attesa per il big match di sabato alle 15 è veramente alta, al punto che il Franchi sembrerebbe essere quasi al sold out con più di 37 mila biglietti già venduti. Un’attesa che assale anche il neo-presidente, Commisso, che direttamente da New York, ha ribadito il suo ottimismo verso la gara di sabato, lodando anche giocatori come Castrovilli e Chiesa. Infine, non si è dimenticato di lanciare un appello al popolo viola, condannando i gravosi fatti di domenica scorsa alla festa della curva Fiesole, dove alcuni pseudo-tifosi hanno intonato dei beceri cori contro le vittime dell’Heysel e il compianto Gaetano Scirea (intervista Commisso su Corriere dello Sport).

Passando alle questioni di campo, l’arma in più della
viola sarà sicuramente Franck Ribery.
Il fuoriclasse francese, la cui titolarità dovrebbe essere molto probabile, sarà
il fiore all’occhiello da sfoggiare contro CR7.
L’ex Bayern (in A), infatti, è l’unico in termini di popolarità e prestigio che
può fronteggiare il marziano bianconero: 26 titoli (quasi tutti in Germania)
contro 30, 36 anni contro 34. Insomma, il meglio del meglio per un match come
pochi.

La viola non è però soltanto FR7, poiché dall’altra
parte dell’area offensiva si muoverà quel Federico
Chiesa
, tanto voluto e cercato in estate dalla dirigenza bianconera. Il figlio
d’arte, blindato da Commisso, ha tutte le carte in regola per diventare uno dei
protagonisti della sfida. Le sue grandi qualità fisiche e tecniche potranno
mettere in difficoltà la retroguardia bianconera, già priva di Giorgio Chiellini.

Dopo i due ko iniziali, è lecito riprendersi per non rischiare di trovarsi in cattive acque già da inizio settembre. I presupposti per una grande partita dei viola ci sono e chissà che un successo contro gli eterni rivali della Vecchia Signora, può dare la svolta definitiva ai ragazzi di Montella.

Fonte foto: www.firenzeviola.it

Sandro Caramazza

L’articolo Fiorentina carpe diem, se vinci con la Juve sarà svolta proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here