Salvate il soldato DiFra, l’inizio è sempre in salita

Salvate il soldato DiFra, l’inizio è sempre in salita

La Sampdoria, reduce da due sconfitte consecutive, deve approcciare il match contro il Napoli. Le prime giornate del mister blucerchiato con le nuove squadre, però, non sono mai state una passeggiata

L’inizio di campionato della Genova blucerchiata non è di quelli da ricordare. Le due debacle sofferte contro Lazio e Sassuolo bruciano ancora e sabato l’impegno è di quelli ostici visto che il terzo turno vuole i ragazzi di Di Francesco al San Paolo. I rumors sul cambio di proprietà e l’assimilazione dei dettami del nuovo tecnico possono essere i nodi su cui costruire una difesa alla squadra ma ciò non deve essere motivo di relax per i calciatori della Sampdoria. Urge un cambio di rotta anche se la prossima gara è sulla carta molto difficile.

Innanzitutto non bisogna prendere decisioni affrettate per quanto riguarda la panchina. Eusebio Di Francesco è un allenatore che ha bisogno di tempo e che all’inizio del suo primo anno in una nuova realtà ha sempre balbettato.

Di Francesco esordì in serie A alla guida del Lecce nella stagione 2011/2012. Nelle prime due giornate i pugliese raccolsero tre punti, dopo la sconfitta casalinga contro l’Udinese i giallorossi vinsero in casa del Bologna. Nonostante fu uno degli inizi più positivi l’avventura del tecnico proseguì non bene, infatti a dicembre arrivò l’esonero. Si può dire che fino ad ora è l’unica macchia di un curriculum di tutto rispetto.

Stagione 2013/14. Dopo la vittoria del campionato cadetto ecco la nuova avventura in massima serie con il Sassuolo. Qui in Emilia c’è tutto il significato di lungimiranza della dirigenza neroverde nei confronti del mister pescarese. Le sconfitte iniziali consecutive saranno quattro e il primo punto arrivò proprio a Napoli alla quinta giornata. L’annata si concluse con una salvezza all’ultimo respiro ma fu il viatico per le successive stagioni che ebbero il culmine con il sesto posto e la qualificazione in Europa League due anni dopo.

Altro giro altra corsa, nel 2017 parte l’avventura di Eusebio Di Francesco con la Roma. La caratura della squadra è maggiore ma anche qui nei primi due turni sono tre i punti conquistati, figli della vittoria di Bergamo e della sconfitta casalinga contro l’Inter; alla terza un pareggio, guarda caso contro la Sampdoria. Ci volle tempo ma la semifinale di Champions League e il terzo posto finale ripagarono un inizio non esaltante.

Tralasciando la Puglia il duro lavoro di mister Di Francesco ha sempre portato qualcosa alle società in cui ha lavorato. Il suo calcio si è piano piano radicato in tutte le realtà che lo hanno visto protagonista, la Sampdoria dovrebbe rifletterci su anche se, come abbiamo già detto, la proprietà è in procinto di cambiare. Tutto è possibile. In questa situazione arriva la trasferta di Napoli e si vocifera che DiFra potrebbe anche cambiare modulo, con un passaggio al 3-4-3. Possibile l’innesto del neo arrivato Rigoni nel tridente offensivo e difesa guidata dall’ex interista Murillo. Attenzione alla Samp dunque, prima o poi sboccerà, stay tuned.

Glauco Dusso

L’articolo Salvate il soldato DiFra, l’inizio è sempre in salita proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here