Thiago botta! Kouamè si rompe il crociato e rovina i piani del tecnico

Thiago botta! Kouamè si rompe il crociato e rovina i piani del tecnico

L’italobrasiliano sta convincendo sulla panchina del Grifone ma la notizia dell’infortunio dell’attaccante funesta la mattinata dei rossoblu

Questa proprio non ci voleva. Il Genoa di Thiago Motta, progetto che piano piano sta lanciando segnali sempre più positivi, si sveglia con il piede sbagliato. In mattinata Christian Kouamè si è sottoposto ai controlli dopo l’infortunio patito in nazionale durante la Coppa d’Africa under 23. I risultati sono impietosi, confermato quello che si pensava già nella serata di ieri ovvero la rottura del legamento crociato. Per l’ivoriano la stagione sarebbe quasi finita e l’allenatore rossoblu ora dovrà fare a meno di una pedina fondamentale che con le sue accelerazioni spaccava le difese avversarie. L’aspetto positivo è che ora ci sarà più spazio per giocatori che Motta sta rivalutando o che prima erano rimasti nell’ombra.

Proprio sui giocatori meno utilizzati si è basata la rivoluzione dell’ex centrocampista di Genoa e Inter. Già dal suo esordio in casa contro il Brescia il tecnico ha sorpreso tutti con nomi che il suo predecessore Andreazzoli non aveva mai impiegato. Su tutti il colombiano Agudelo, oggetto misterioso fino a poco tempo fa ma che ora sta incantando la platea rossoblu. Gli sono bastate quattro partite per attirare su di sè l’attenzione di club importanti. Nello scacchiere di Thiago Motta è comparso anche Gumus, esterno d’attacco insidioso con buoni piedi, altra risorsa che può tornare utilissima dopo l’infortunio di Kouamè. Inoltre come non citare il sempreverde Goran Pandev, autentica chioccia dei giovani che affollano l’attacco genoano.

Il bilancio delle prime quattro partite di Thiago Motta alla guida del Genoa può sembrare appena sufficiente, ma se si osservano attentamente le gare si può rimanere sorpresi. Roma non è stata costruita in un giorno e infatti partita dopo partita il Grifone convince un poco di più. L’esordio con il Brescia ha scombinato gli equilibri precedenti e dopo un primo tempo interlocutorio è arrivata la vittoria nella ripresa.

Con la Juventus si meritava assolutamente di più e fino al calcio di rigore per i bianconeri al 94′ il punteggio era di 1-1, con un match condotto a testa alta anche in inferiorità numerica. Passaggio a vuoto a Marassi con l’Udinese, nonostante una buona prima frazione e il gol del vantaggio. Il ritorno dei friulani ha portato alla sconfitta finale. Infine forse la prova che porta in dote più ottimismo, la buonissima prova fornita al San Paolo che ha fruttato un pareggio più che meritato.

La sosta permetterà all’allenatore di lavorare sulle sue idee e a far fronte anche agli imprevisti, ma la strada intrapresa sembra giusta. Per certi progetti c’è bisogno di tempo e speriamo che il presidente Preziosi riesca a mantenere la calma e avere pazienza. I risultati recenti confortano, la bontà della scelta fatta è sotto gli occhi di tutti. Al rientro subito un altro test da non sottovalutare, si va a Ferrara contro la Spal. Lì capiremo se il Grifone è pronto a volare davvero.

Glauco Dusso

L’articolo Thiago botta! Kouamè si rompe il crociato e rovina i piani del tecnico proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here