Psg, sirene offensive

Psg, sirene offensive

No calcio, si calciomercato, sul banco 3/4
di attacco parigino: Icardi, Neymar e Cavani

Lo stop della stagione calcistica causa emergenza Coronavirus
ha bloccato temporaneamente il grande lavoro, fin adesso, operato da Tuchel al
Psg. Se vogliamo fare un piccolo bilancio dell’annata parigina, probabilmente,
mai come quest’anno ha avuto un trend altamente positivo. I numeri, infatti,
sono dalla sua parte: primo posto in Ligue 1 ormai in cassaforte con 12
punti di distacco dal Marsiglia e terzo titolo di fila ad un passo; finali di Coupe
de la Ligue
e Coupe de France conquistate; dulcis in fundo quarti di
finale di Champions raggiunti dopo tre anni di cocenti eliminazioni agli
ottavi. L’ultima uscita stagionale dei capitolini è stata, difatti, l’ottavo di
ritorno contro il Borussia Dortmund, rimontato a Parigi, dopo il 2-1 del Westfalen
Stadion.

Come tutte le squadre delle maggiori leghe europee,
anche il Psg si è accodato alla direttiva dello stop forzato. Giocatori,
pertanto, a casa con allenamenti sospesi a data da destinarsi. La lontananza
dal rettangolo di gioco, sposta le questioni parigine sul fronte mercato,
facendo presupporre un’estate a dir poco bollente dalle parti della 24 rue
di Commandant-Guilbaud
. Le questioni che tengono banco sul tavolo del ds
Leonardo sono principalmente tre: il futuro di Mauro Icardi, la nostalgia
blaugrana di Neymar Jr e il contratto in scadenza di Cavani.

Il caso Icardi è una delle questioni più trattate nelle ultime ore: la Juve vorrebbe un attaccante giovane da regalare a Sarri per la prossima annata e il profilo del ragazzo di Rosario sembrerebbe essere quello giusto. Dopo il nulla di fatto di quest’estate con Paratici e Wanda Nara pronti a fare lo sgarbo all’Inter, il discorso è stato rimandato proprio al prossimo giugno. L’idea sarebbe quella di esercitare il riscatto a 70 milioni da parte del Psg e poi girare il giocatore alla Juventus, con l’inserimento di qualche contropartita, Pjanic in primis. Questione spinosa ma altamente interessante.

La saudade catalana di Neymar è ormai nota a tutti da un bel po’. I malumori dell’estate passata e i continui corteggiamenti da parte del Barça e dei suoi ex compagni come Messi, non hanno, difatti, spento le sirene a Parigi per un possibile ritorno dell’asso brasiliano in Spagna. La stagione, fin adesso, di O’Ney è stata più che positiva: 18 gol in 22 partite tra campionate e coppe e finalmente presente e decisivo negli ottavi di Champions (sempre infortunato nei 2 anni precedenti).

Infine, altra questione da non sottovalutare è quella inerente a Edinson Cavani, in scadenza a giugno. Il 33 enne di Salto, dal 30 giugno, sarà uno dei tanti svincolati di lusso, pronti a firmare per una nuova squadra. L’intenzione, infatti, sarebbe quella e i club che vorrebbero il Matador in casa c’è ne sono. L’Atletico di Simeone è il maggior estimatore, ma guai a sottovalutare le sirene inglesi e quelle d’oltre continente del Boca, pronta al duo offensivo da sogno Cavani-Tevez.

Fonte foto: Itasportpress; FcInter1908; Transfermarkt

Sandro Caramazza

L’articolo Psg, sirene offensive proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here