Inter 2 – Sampdoria 1, buona la prima: Conte a -6 dalla vetta. Analisi e Pagelle

Inter 2 – Sampdoria 1, buona la prima: Conte a -6 dalla vetta. Analisi e Pagelle

Alla Scala del calcio i nerazzurri conquistano i tre punti e si lanciano all’inseguimento di Juventus e Lazio. Decisiva l’esplosiva coppia Lautaro-Lukaku

Dopo la delusione in Coppa Italia all’Inter non resta altro che puntare tutto sul campionato e sull’Europa League. Non è un segreto che il tecnico Antonio Conte voglia portare a casa un titolo sin dal primo anno sulla panchina nerazzurra. Prima del match con la Sampdoria la distanza dalla vetta, occupata dalla Juventus, appare siderale (9 punti). Come hanno raccontato le interviste dei tesserati interisti durante la settimana, l’unico modo per credere ancora nel tricolore è fare filotto nelle tredici partite che mancano per terminare il campionato.

Il centrocampo dei meneghini è falcidiato dagli infortuni, con Sensi e Brozovic out saranno Barella, Gagliardini ed Eriksen a formare la linea di centrocampo. Conte conferma Lautaro Martinez al fianco di Lukaku in attacco. Mister Ranieri deve rinunciare sia a Quagliarella che a Gabbiadini, l’ex tecnico del Leicester si affida a La Gumina e Ramirez per sgominare la rocciosa difesa interista.

Formazioni ufficiali:

Inter (3-5-2): Handanovic; Skriniar, de Vrij, Bastoni; Candreva, Barella, Gagliardini, Young; Eriksen; Lukaku, Lautaro.

Allenatore: Antonio Conte.

Sampdoria (3-5-1-1): Audero; Bereszynski, Yoshida, Colley, Murru; Thorsby, Linetty, Bertolacci, Jankto, Murru; Ramirez; La Gumina. Allenatore: Claudio Ranieri.

Il film della partita – L’Inter parte a razzo, tanto che al 2′ il gol annullato ad Eriksen per fuorigioco fa solo da prologo a quello che si vedrà nel primo tempo. Al 10′ i nerazzurri sono già avanti grazie al gran tiro al volo di Lukaku su assist dell’ex Tottenham. Sampdoria in bambola, Lautaro e soci sono padroni assoluti del campo. E’ proprio il centravanti argentino a mettere la firma sul 2 a 0. Al 33′ il Toro aggancia un pallone in area e infila Audero sulla sinistra. Sprazzi di grande calcio da parte della squadra di Conte nella prima frazione di gioco, ma i blucerchiati sembrano ben poca cosa.

I secondi 45 minuti sembrano poter essere una fotocopia dei precedenti, Eriksen appare in grande spolvero e prende in mano il centrocampo dell’Inter, ma è la Sampdoria ad accorciare le distanze al 53′. Colley incorna a colpo sicuro su cross da calcio d’angolo, ma centra solo la traversa, il rimbalzo finisce sui piedi di Thorsby che non deve far altro che depositare in rete il 2 a 1. La rete dei liguri frena il fervore dei ragazzi di Conte, la beffa è dietro l’angolo, ma per fortuna dei nerazzurri il match si chiude con una vittoria che sa di rilancio.

Primo tempo senza storia, in campo sembra di vedere una squadra di Serie A durante un’amichevole estiva con un team di una serie inferiore, peccato che il possesso palla nerazzurro ( quasi 80%) si concretizzi in soli due goal. Nella ripresa la squadra di Ranieri prende coraggio grazie al goal di Thorsby, ma l’attacco senza Quagliarella e Gabbiadini è più spuntato che mai. La zona retrocessione resta ad appena un punto, ai liguri servono urgentemente punti. Conte tiene accese le speranze scudetto, ma serve una grande impresa per conquistare il titolo.

Le pagelle dei nerazzurri:

Handanovic: 6 vede il pallone solo in occasione del gol di Thorsby, sul quale non può nulla.

Skriniar: 6,5 è il difensore apparso più in palla del terzetto nerazzurro, se non altro il più concentrato.

de Vrij: 5 irriconoscibile, la sua disattenzione sul goal blucerchiato poteva costare caro.

Bastoni: 5,5 partita double face, primo tempo intraprendente, nella seconda frazione accusa la stanchezza

Candreva: 6,5 fra i più positivi dell’Inter, sembra già in forma campionato, Dal 74′ Moses: s.v.

Barella: 6,5 tanta quantità e qualità al servizio della squadra, certo non è Brozovic per quanto concerne l’impostare il gioco.

Gagliardini: 5,5 operaio del centrocampo, partita senza particolari acuti.

Young: 6,5 atleticamente sembra già al top, i compagni se ne rendono conto e lo servono con continuità. Dal 74′ Biraghi: s.v.

Eriksen: 7 ha trovato la sua collocazione ideale nel 3-4-1-2 disegnato da Conte, tanta classe, ma anche tanta concretezza. Rinato. Dal 79′ B. Valero: s.v.

Lukaku: 7 una furia, è tornata l’intesa speciale con Lautaro che ha fatto strabuzzare gli occhi ai tifosi nerazzurri. Pilastro.

Lautaro: 6,5 segnali incoraggianti dopo l’atteggiamento irritante mostrato in Coppa Italia. Dall’83’ Sanchez: s.v.

Conte: 6,5 ha il grosso merito di aver trovato la giusta collocazione ad Eriksen, si arrabbia giustamente con i suoi che non riescono a chiudere la partita.

Le parole di Antonio Conte: “Stasera dovevamo vincere per forza, ci siamo riusciti, ma nei prossimi match servirà più cattiveria. Eriksen è stato molto bravo, ma deve essere più cinico sotto porta. Questi tre punti alimentano il sogno scudetto”

FOTO: Inter-news.it

Marco Fabio Ceccatelli

L’articolo Inter 2 – Sampdoria 1, buona la prima: Conte a -6 dalla vetta. Analisi e Pagelle proviene da Passione del Calcio.

Continua a leggere

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here